Notizie

Il decreto Sostegni bis in Gazzetta ufficiale, ecco le novità

Sulla Gazzetta Ufficiale di ieri è stato pubblicato decreto  “Sostegni-bis” (DL n. 73/21) in cui sono contenute una serie di misure finalizzate a sostenere le imprese e l’economia, introducendo alcune novità in materia di lavoro e fisco.

Le misure del DL Sostegni-bis si aggiungono a quelle per la progressiva riapertura delle attività d’impresa contenute nel DL Riaperture-bis, fornendo nel complesso elementi utili per la ripresa dell’economia e la tenuta delle imprese, pur nell’incertezza che caratterizza ancora la fase attuale.

Sul fronte fiscale, segnaliamo positivamente l’introduzione dei nuovi criteri per il riconoscimento di un ulteriore contributo a fondo perduto con un impegno di oltre 15 miliardi di risorse. In particolare, apprezziamo la possibilità di poter recuperare “a conguaglio” parte del minor risultato d’esercizio conseguito nel 2020 rispetto al 2019, che riconosce le situazioni imprenditoriali con maggiori costi fissi.

Positivo anche il riconoscimento per i primi 7 mesi del 2021 del credito d’imposta sugli affitti commerciali per le attività economiche che hanno maggiormente sofferto a seguito delle chiusure imposte dalla pandemia e, per i primi 5 mesi del 2021, per tutte le altre attività che presentano un calo di fatturato di almeno il 30%. Cosi come è positiva la possibilità, più volte sollecitata da Confartigianato, di poter recuperare l’IVA immediatamente all’apertura delle procedure concorsuali e non dover attendere, come avviene oggi, la loro chiusura spesso a distanza di parecchi anni.

Sul fronte del sostegno alla liquidità per le imprese, in estrema sintesi, è certamente apprezzabile la proroga della moratoria legale fino al 31 dicembre 2021, che tuttavia presenta alcune limitazioni alle forme tecniche ammesse e riguarda la sola quota capitale.

Per quanto riguarda le altre misure, positivo anche il giudizio sulla proroga al 31 dicembre 2021 della Garanzia pubblica del Fondo Centrale di Garanzia, seppure con una lieve riduzione della percentuale di garanzia: in particolare, dal 1° luglio 2021, la garanzia diretta di cui al comma 1 lett. c) dell’articolo 13 del DL Liquidità, a fronte del prolungamento della durata dell’operazione accordato dal soggetto finanziatore, può essere estesa entro il termine massimo di 120 mesi, previa autorizzazione della Commissione europea ed è concessa nella misura massima dell’80% in luogo del precedente 90%. Sulle operazioni fino a 30.000 euro di cui alla lett. m) del richiamato DL Liquidità, la garanzia è ridotta al 90%, rispetto al precedente 100%. Sul punto, seguirà comunque una illustrazione di maggiore dettaglio a cura della Direzione competente.

Sui temi del lavoro si valuta positivamente la volontà del Governo di incentivare la ripresa dell’occupazione con una riduzione del costo del lavoro utilizzando il contratto di rioccupazione, accompagnato da uno sgravio contributivo totale per la durata di 6 mesi e la misura che prevede il progetto individuale di inserimento vòlto a garantire l’adeguamento delle competenze del lavoratore con cui si riconosce l’importanza della formazione per rafforzare la competitività e la produttività del sistema economico e sostenere i livelli di occupazione.

Positivo anche il differimento dei termini dei versamenti contributivi dei soggetti iscritti alle gestioni autonome speciali degli artigiani e commercianti.

Infine, Confartigianato vede con favore l’istituzione di un Fondo dedicato alla creazione di “Scuole dei mestieri” a livello territoriale e auspica che il decreto attuativo del Ministero del Lavoro, nell’individuare i criteri e le modalità di applicazione e di utilizzo delle risorse, tenga conto delle specificità proprie delle imprese artigiane e delle micro e piccole imprese diffuse sul territorio, tradizionalmente vocate a formare i mestieri del made in Italy.

Comments are closed.