Notizie

Prestazioni occasionali, l’Inps illustra le novità previste dalla Legge di Bilancio

L’INPS, con la circolare n. 6/2023, ha illustrato le novità introdotte dalla Legge di Bilancio 2023 (legge n. 197/2022) in materia di prestazioni occasionali.

In primo luogo, la Legge di Bilancio è intervenuta sui limiti economici per l’accesso al contratto di prestazione occasionale, prevedendo l’innalzamento da 5.000 euro a 10.000 euro del limite massimo dei compensi per prestazioni occasionali erogabili complessivamente da ciascun utilizzatore, fermi restano gli altri limiti già previsti dall’art. 54bis del D.L. n. 50/2017.

Pertanto, alla luce delle modifiche introdotte, a partire dal 1° gennaio 2023 i limiti di compenso erogabili per le prestazioni occasionali sono i seguenti:

  • per ciascun prestatore, con riferimento alla totalità degli utilizzatori, compensi di importo complessivamente non superiore a 5.000 euro;
  • per ciascun utilizzatore, con riferimento alla totalità dei prestatori, compensi di importo complessivamente non superiore a 10.000 euro;
  • per le prestazioni complessivamente rese da ogni prestatore in favore del medesimo utilizzatore, compensi di importo non superiore a 2.500 euro.

La legge di Bilancio ha, inoltre, previsto l’ampliamento della possibilità di utilizzo del contratto di prestazione occasionale, consentendolo agli utilizzatori che abbiano alle proprie dipendenze fino a 10 lavoratori subordinati a tempo indeterminato – a fronte del precedente limite dimensionale che era fissato a 5 lavoratori – senza distinzioni tra i settori produttivi.

Comments are closed.