Tag

nuova Sabatini

Browsing

I dati aggiornati a Luglio 2017 mostrano ancora disponibilità per ottenere contributi a sostegno di investimenti per acquistare macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali ad uso produttivo e hardware, nonché software e tecnologie digitali.

Il contributo del Ministero dello Sviluppo Economico è determinato in misura pari al valore degli interessi calcolati, in via convenzionale, su un finanziamento della durata di cinque anni e di importo uguale all’investimento, ad un tasso d’interesse annuo pari al:

  • 2,75% per gli investimenti ordinari;
  • 3,575% per gli investimenti in tecnologie digitali e in sistemi di tracciamento e pesatura dei rifiuti (contributo maggiorato del 30% introdotto dalla legge di bilancio 2017 per i beni indicati nell’allegato 6/A e nell’allegato 6/B alla circolare 15 febbraio 2017, n. 14036, e ss.mm.ii.).

Possono beneficiare dell’agevolazione le micro, piccole e medie imprese (PMI) di tutti i settori produttivi, inclusi agricoltura e pesca, ad eccezione dei seguenti:

  • attività finanziarie e assicurative;
  • attività connesse all’esportazione e per gli interventi subordinati all’impiego preferenziale di prodotti interni rispetto ai prodotti di importazione.

Il finanziamento, che può essere assistito dalla garanzia del “Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese” fino all’80% dell’ammontare del finanziamento stesso, deve essere:

  • di durata non superiore a 5 anni;
  • di importo compreso tra 20.000 euro e 2 milioni di euro;
  • interamente utilizzato per coprire gli investimenti ammissibili.

Creditfidi ha predisposto una linea di finanziamento agevolato che consente, alle imprese esistenti, di abbattere totalmente il tasso di interesse pagato dall’impresa.

Per maggiori informazioni le imprese possono rivolgersi agli uffici di Creditfidi operanti sul territorio regionale oppure scrivere una mail a: info@creditfidi.it per essere contattati da un commerciale.

A poca distanza dalla chiusura dello sportello, lo scorso settembre, nel 2017 tornano i finanziamenti agevolati della Nuova Sabatini per le imprese che acquistano macchinari, perché la norma è stata inserita all’ art.13 della Legge di Bilancio 2017 approvata in via definitiva nei giorni scorsi.

Ma rispetto alle nostre anticipazioni ci sono altre novità: la misura verrà prorogata non più per il solo anno 2017, ma anche per tutto il 2018 e, al fine di favorire la transizione del sistema produttivo nazionale verso la manifattura digitale, una quota della copertura finanziaria è destinata alle PMI che investono in digitalizzazione, nell’ambito del piano Industria 4.0 e più precisamente in “macchinari, impianti e attrezzature nuovi di fabbrica aventi come finalità la realizzazione di investimenti in  tecnologie, compresi gli investimenti in big data, cloud computing, banda ultralarga, cybersecurity, robotica avanzata e meccatronica, realtà aumentata, manifattura 4D, Radio frequency identification (RFID) e sistemi di tracciamento e pesatura dei rifiuti”.

Per questi investimenti, in particolare, è anche innalzata del 30% la misura massima prevista per il contributo del MiSE, sempre nel rispetto della normativa europea sugli aiuti di Stato.

Altra novità prevista dalla manovra, il plafond a disposizione della Cdp per la Garanzia è incrementato di 7 miliardi di euro. Le risorse previste per i prossimi anni dalla manovra sono così ripartite: 28 milioni di euro per il 2017, 84 milioni per il 2018, 112 milioni all’anno dal 2019 al 2021, 84 milioni per il 2022, e 28 milioni per il 2023.

La normativa relativa all’accesso ai finanziamenti, requisiti delle imprese, presentazione delle domande, rimane invariata.

La Sabatini, lo ricordiamo, è stata istituita con il decreto 69/2013: è un finanziamento agevolato per l’acquisto di nuovi macchinari, da 20mila a 2 milioni di euro, con un contributo statale del Ministero dello Sviluppo Economico che copre parte degli interessi (pari all’ammontare degli interessi calcolati su un piano di ammortamento a rate semestrali, con tasso del 2,75% e durata 5 anni), e una copertura fino all’80% del finanziamento della cassa Depositi e Prestiti. Il finanziamento deve essere erogato da un banca o intermediario accreditato (l’elenco è disponibile sul sito del MiSE)

Destinatari della misura sono micro, piccole e medie imprese (escluse quelle del settore finanziario), con sede operativa su tutto il territorio nazionale, iscritte la Registro delle imprese, non destinatarie di aiuti europei e non in situazione di ”impresa in difficoltà”

Per la domanda è possibile rivolgersi agli uffici di Creditfidi operanti sul territorio.

Con Decreto Direttoriale del 02/09/2016 è stata disposta, a partire dal 03/09/2016, la chiusura dello sportello “Nuova Sabatini” per la presentazione delle domande di accesso ai contributi, per esaurimento delle risorse finanziarie disponibili.  Da tale data, pertanto, le domande presentate dalle imprese sono considerate irricevibili.
Le risorse finanziarie disponibili hanno consentito di accogliere le richieste di prenotazione presentate dalle banche e dagli intermediari finanziari fino a quella pervenuta il 02/09/2016 alle ore 14:59:20, che è stata accolta parzialmente nella misura del 14,96 % rispetto all’ importo richiesto.
Con il predetto decreto direttoriale, come stabilito dalla vigente normativa, si specifica che, qualora entro i 60 giorni successivi alla data di chiusura dello sportello si rendano disponibili ulteriori risorse, le stesse possono essere utilizzate esclusivamente per incrementare l’ importo della prenotazione disposta in misura parziale e, successivamente, per soddisfare eventuali altre richieste di prenotazione risultanti prive di copertura, nel rispetto dell’ ordine di presentazione delle stesse nella medesima trasmissione mensile.Le eventuali richieste di prenotazione non soddisfatte con dette risorse acquisiscono priorità di prenotazione in caso di riapertura dello sportello. Con successivo provvedimento ricognitivo del Direttore Generale per gli incentivi alle imprese sarà pubblicato l’elenco, in ordine cronologico di arrivo, delle richieste di prenotazione risultate prive di copertura finanziaria. Le domande presentate alle banche o intermediari finanziari in data antecedente a quella di chiusura dello sportello e non incluse in una richiesta di prenotazione inviata al Ministero dello Sviluppo Economico, in caso di riapertura, devono essere inserite in una specifica richiesta di prenotazione e mantengono i diritti e le condizioni derivanti dalla data di presentazione originaria.
Lo sportello sarà immediatamente riaperto per effetto del rifinanziamento della misura da disporre con legge di stabilità o altro provvedimento di legge.

Sulla Gazzetta Ufficiale è stato pubblicato il decreto del Ministero dello Sviluppo economico che rivede e semplifica le pratiche per la “nuova Sabatini”, che prevede un sostegno economico per le imprese che investono in innovazione e tecnologie, attrezzature e macchinari da lavoro.
Una misura invocata più volte da Confartigianato, che amplia le possibilità della “nuova Sabatini” e ne semplifica le procedure.
Da oggi, infatti, sarà possibile accedere alla “nuova Sabatini” anche con finanziamenti erogati da banche e società di leasing su provviste diverse da quelle della Cassa Depositi e Prestiti.
Il Sistema Confartigianato  e Artigiancassa stanno mettendo a punto una serie di iniziative gestire al meglio questa possibilità e per accompagnare le imprese nella richiesta di finanziamenti.